Archivio mensile:gennaio 2012

Abbey Road

Lo zucchero filato che zampettava sulle strisce pedonalio

Una giornata come tante altre, fino a un’ora e mezza dopo il risveglio.
Il cielo è limpido e l’aria è gelida, ma il sole che si intravede al fondo della via, dietro la collina torinese saprà rendere piacevole nelle ore centrali questa giornata d’inverno di una Torino che si appresta a vivere i giorni della merla. Cammino spedito, come mio solito nel tragitto dalla metro alla comunità, l’orologio non lo guardo nemmeno più: prima di tutto perchèogni volta che ne porto uno passo il mio temppo a domandarmi che ore sono e poi perchè tanto, orologio o no, già lo so che sono in ritardo.
Sto attraversando il noto profumo di caffè e brioches calde quando a pochi metri da me noto una sagoma bianca e conosciuta che attraversa la strada, sulle strisce pedonali questo si, ma penso subito che per una gattina impaurita e dall’aria smarrita potrebbe anche passare inosservata agli occhi di chi ha fretta di arrivare a lavoro. Mi avvicino, mi guardo attorno alla ricerca di non so bene nemmeno cosa ora che ci penso perchè difficilmente si trova qualcuno che porta a spasso il proprio gatto,e cerco di attirare l’attenzione di quello zuccero filato sotto forma di gatto. Sulle prime, una snuffiatina diffidente e poi si allontana, ma dopo qualche metro torna indietro a strusciarsi sui miei jeans ma senza ancora farsi accarezzare. Passiamo così qualche secondo, io che la osservo immobile e lei che cerca di farsi un’idea su di me. Poi si rimette in movimento e nuovamente attraversa la strada sulle strisce pedonali, io mostro il palmo ad una macchina che sopraggiunge e accompagno la traversata. La seguo ancora fino al portone della comunità, poi mi fermo e provo ad accarezzarla e finalmente cede; la prendo in braccio, la coccolo ancora un po’ e poi apro la zip della giacca e la metto al calduccio sul petto di papà.
Abbey – perchè attraversando sulle strisce mi ha ricordato la copertina del mitico Abbey Road- non oppone la minima resistenza, si lascia coccolare; deve aver passato chissà quanto tempo da sola per la strada, con un sussulto ad ogni macchina che passa, ad ogni suono di clacson, abbagliata dai fari che illuminano la strada di notte e con un freddo addosso che appena sono arrivato su le ho fatto preparare da Elena (una mia collega gentilissima) un po’ di latte intiepidito per scaldarlo dalle viscere.

Faccio un veloce controllo, la piccola non è stata sterilizzata e, da come si struscia e fa la civetta, è sicuramente in calore.
L’ambiente è nuovo, le mani vogliose di coccolarlo sono tante e la stanchezza avrà fatto il resto, Abbey non tocca il latte e l’acqua, e sbocconcella ben poco del tonno che le ho offerto per rifocillarsi nell’attesa che finissi il turno di lavoro per portarla a casa. L’ho tenuta chiusa in una stanza da sola, per farla riposare e per non esporla ai rovesci emotivi che si verificano quotidianamente in una comunità psichiatrica; ogni volta che passavo a controllarla la trovavo adagiata su qualche superficie morbida ed accogliente, ma non lho mai colta addormentata. In sette ore, non ha sporcato un centimetro quadrato della stanza.

Il viaggio di ritorno in metro non l’è piaciuto molto, dallo scatolone di una stampante non si vede molto e tutti quei rumori attorno non potevano certo farla stare tranquilla. Tra gli sguardi interrogativi di chi cercava un gatto in metro e i sorrisi di chi vedeva la bianca zampina di Abbey spuntare dalla scatola alla ricerca di chissà cosa, si arriva a Marche.
Cinque minuti dopo siamo al caldo, spiego alle mie belve che avremo un’ospite per qualche tempo, ma che comunque non entrerà a far parte della famiglia stabilmente per tranquillizzare il loro lato istintivo/territoriale e preparo il bagno mettendoci una lettiera, la scatola della stampante come rifugio, un cuscino ed un tappetino per isolare la mia nuova ospite dal freddo del pavimento e poi acqua a volontà e crocchette. Mangia con calma Abbey, un croccantino alla volta, sembra voler assaporare lentamente dei momeni che le mancano da chissà quanto e con gli occhi socchiusi, chissà cosa sta ricordando…
Con il pancino pieno e al caldo i muscoli si rilassano e la lascio riposare.

Un paio d’ore più tardi, sincronizzati, i miei pargoli schizzano sull’attenti e vanno tutti alla porta del bagno, da dietro arrivano segni e odori di vita felina- altolà! Chi va là?!?- sembrano voler dire. Mi alzo e vado a controllare la piccola ospite, la coccolo un po’ e le racconto che sto scrivendo un annuncio da stampare su dei volantini che l’indomani avrei appeso per le vie vicine a quella dove l’avevo trovata, così che il suo padrone avrebbe potuto chiedere informazioni non appena letto il volantino.
Mentre le parlo guardo e sento come respira, sembra non esserci l’urgenza di una visita del veterinario, l’unica cosa che mi dà da pensare sono le orecchie ben ben sporche e così le faccio un trattamento con delle gocce che avevo dato a Lucy quando dopo averla portata a casa dal gattile aveva gli acari nelle orecchie. Non è certo piacevole ritrovarsi con un energumeno che ti fa colare del liquido nelle orecchie, ma a parte qualche timido miagolio di protesta, si lascia applicare l’antibiotico.

La serata e la notte passano tranquille, giuto qualche richiamo amoroso che cade nel vento delle orecchie castrate dei miei due maschietti, ma al risveglio la trovo pronta a fiondarsi fuori dalla porta del bagno per conoscere il mondo oltre la siepe. Pappa, goccine, le sistemo una borsa di acqua calda avvolta in un babacio a forma i mucca per riscaldarle il giaciglio e poi vado a lavoro.

Stampo, fotocopio e ritaglio i volantini e colgo l’occasione di commissioni da fare con i ragazzi per distribuire a bar, panetterie e tabaccherie (i negozi che sono maggiormente frequentati quotidianamente) i volantini e poi ultimi ma non per importanza in questi casi, i negozi di articoli per animali. Lungo il marciapiede e ad ogni singolo incrocio, tutti i pali, semafori e le superfici lisce sono mie.

Dopo un’oretta e mezza chiama un’amica della proprietaria e me la descrive nel dettaglio.
Missione compiuta, sospiro di sollievo, mi sento un Bau Boy!

Tornato a casa, do la buona notizia alla mia ospite, le faccio fare la conoscenza dei miei piccoli sorvegliando la situazione, un saluto e poi via nel trasportino, verso Casa, la Sua casa.
Durante il viaggo in macchina, chiusa nel trasportino non si sente a suo agio e diverse volte allunga una zampa attraverso lo sportellino a griglia e dopo un po’ decido quindi di aprire il lato destro coccolarla un po’ con le dita. – Prrrr, prrrr- così si fa, così va bene sembra dire.

Sono contento che un altro gatto tornato a casa dopo avernee passate chissà quante, possa dire io sono ancora vivo.

E’ tornata a Casa Abbey, una casa dove si sentirà chiamare buovamente Angel, ma per me il suo nome resterà sempre quello: Abbey, lo zuccherò filato che zampettava sulle strisce pedonali.

Annunci
Contrassegnato da tag

Terremoto a Torino

Ore 09:15 circa di mercoledì 25/01/2012.

E mentre stava entrando dalla porta la mia collega, mi tremavano le gambe, un attimo di smarrimento… Che succede? Colpo di fulmine?
Poi vedo le giacche sull’appendiabiti che tremano, solo una scossa di terremoto.
Ancora una volta posso dirlo, io sono ancora vivo e sereno.

Contrassegnato da tag ,

I tassisti si lamentano. Io pure.

I tassisti si lamentano, io pure però.
L’altra sera sono uscito dal pronto soccorso a mezzanotte e mezza, Metro chiusa e nessun’altro mezzo pubblico ancora in servizio per tornare a casa. Sono vicino alla stazione e distante quasi 7 Km da casa, temperature al di sotto dello zero sicuramente; con altre condizioni, come ho già fatto, sarei tornato a casa a piedi, ma stasera proprio non me lo posso permettere.
Salgo su un taxi che trovo in attesa parcheggiato affianco alla stazione, comunico l’inzirizzo e si parte. Il tassametro segna già 6€ (bandiera 3,50 + 2,50€ di supplemento notturno) ed ho appena appoggiato il sedere sul sedile… Arrivato a casa il tassametro segnava 16,20€, per aver fatto 7 Km in 15 minuti contraffico praticamente assente. Vogliamo contare anche che il “povero tassista” deve ritornare al punto di partenza? Ok, 14 Km in mezz’ora.
Io per guadagnare 10€ netti (perchè dai 6€ diamoli buoni tra spese di manutenzione auto, assicurazione e benzina) devo lavorare almeno 2 ore e per andare a lavoro devo pagare l’abbonamento per i mezzi pubblici e tener conto che per arrivare a lavoro e poi tornare a casa impiego in totale un’ora; possiamo quindi dire che per avere 10€ in saccoccia, devo avere occupate almeno 3 ore del mio tempo.
Il servizio offerto dalle macchine bianche mi sembra quindi molto ben retribuito, anche contando che per fare il tassista credo che l’unico requisito richiesto sia quello di avere la patente, mentre io che sono laureato ho dovuto pagare tasse universitarie, libri e ho iniziato a lavorare dopo la laurea, quindi non prima dei 25 anni.
Questi si lamentano ma io credo che ci sia ben poco da lamentarsi e che aprendo il mercato si possa arrivare ad avere una maggiore concorrenza e quindi prezzi più bassi. Se poi non ci fosse abbastanza lavoro per tutti (quelli che vogliono fare i tassisti), che trovassero un’altro impiego, d’altronde non tutti possono fare il lavoro che sognano fin da bambini.
La differenza poi con il costo dei mezzi pubblici è abissale, se le nostre macchina bianche ritoccassero un po’ le tariffe, credo che sia possibile che come in tante altre grandi città del mondo, vedi New York e Londra, la gente inizi ad usare i taxi anche per andare a lavoro e per altri spostamenti.
Così come stanno le cose adesso, mi sembra un traguardo irraggiungibile.
Con 16,20€ in meno, ma io sono ancora vivo e finchè sarà così ed avrò altre possibilità da scegliere per i miei spostamenti, le preferirò al taxi e sicuramente il mio corteo funebre non seguirà una macchina bianca.

Contrassegnato da tag ,

Io credo nei segni.

Io credo nei segni.
Detto questo, da qualche parte ricordo di aver letto qualcosa che suona come…
“Poi il Signore Dio disse: «Non è bene che l’uomo sia solo: gli voglio fare un aiuto che gli sia simile».
Allora il Signore Dio plasmò dal suolo ogni sorta di bestie selvatiche e tutti gli uccelli del cielo e li condusse all’uomo, per vedere come li avrebbe chiamati: in qualunque modo l’uomo avesse chiamato ognuno degli esseri viventi, quello doveva essere il suo nome. Così l’uomo impose nomi a tutto il bestiame, a tutti gli uccelli del cielo e a tutte le bestie selvatiche, ma l’uomo non trovò un aiuto che gli fosse simile”
e io tre gatti li ho e ho dato loro un nome, il primo step l’ho superato alla grande! Poi la sacra scrittura continua:
“Allora il Signore Dio fece scendere un torpore sull’uomo, che si addormentò; gli tolse una delle costole e rinchiuse la carne al suo posto.”
Giuro che Lunedì mattina, dopo la caduta mi sono ritrovato a terra con il respiro che mi mancava e senza aver capito bene cosa mi fosse successo, è stato come risvegliarmi dopo un lungo sonno!
Ma andiamo avanti che adesso viene il bello:
“Il Signore Dio plasmò con la costola, che aveva tolta all’uomo, una donna e la condusse all’uomo.”

FERMI TUTTI! Con calma. Un bel respiro.

… e fu notte e fu mattino, il mattino di martedì; poi nuovamente notte e poi ancora mattino, quello di mercoledì e poi ancora quelli di giovedì e venerdì.

Non è che me l’hai mandata con l’autista sprovvisto di aggiornamento per il navigatore?
Ora, capisco la crisi, capisco lo sciopero dei taxi ed il prezzo della benzina che è arrivato alle stelle e che tutto questo possa creare problemi di mobilità, però dai, vuoi dirmi che tu che vivi da un’eternità non hai messo nulla da parte? Che non riesci a spedire con pacccelere1? Ma anche un paccocelere3 andava bene! Non sarà che per sicurezza hai spedito con paccocelere1+paccocelere3 e quei pistola della posta hanno fatto la somma? Lo scopriremo domani.

Per adesso, vivo ancora sereno e non ci sono segni di burrasca all’orizzonte (occavolo, ma oggi non tirava un vento spaventoso?!?), va tutto bene. Il cielo è limpido, il freddo si è attenuato ed io sono ancora vivo.

 

Contrassegnato da tag , ,

io sono ancora vivo

Lunedì mattina, visto che avevo un riposo infrasettimanale da lavoro ho deciso di andare a sciare per inaugurare la stagione, la tavola nuova, gli attacchi e gli scarponi.
Martedì sera, esco dal pronto soccorso a mezzanotte e mezza.
Il referto dice: infrazione della VIII costa sx. Io dico una serie interminabile di improperi.

Prali, prima discesa della stagione, cerco di prendere confidenza con la nuova tavola e con la neve (dura, dura dura) e dopo qualche centinaio di metri quando stavo acquistando sicurezza, nel virare a sinistra, non riesco a controllare la tavola, non chiudo la virata e pam! a terra, di muso. Silenzio, nemmeno il diaframma si muove dalla botta, respiro sospeso, 4, 5, 6 secondi e poi si torna alla vita e con la vita il dolore. Alla prima discesa della giornata, dell’anno.

Mi riprendo, arrivo a valle e tutto sembra a posto, non sento poi così tanto male da mandare (si dirà “a monte” una giornata in montagna se la si lascia per tornare a casa in città? Forse in questo caso sarebbe meglio dire a città…) (no, nemmeno all’aria, qua sicuramente c’è dell’aria più buona rispetto a quella di Torino)… Trovato! …mandare a put..ne (che a Torino ce ne sono sicuramente più che qua) la giornata per una caduta.

Seconda discesa, la mia nulla conoscenza delle piste e la concentrazione sul rimanere con il culo il più asciutto possibile, mi porta a finire su una pista NERA (quelle per esperti). Io esperto non sono, ma senza altri catastrofici “saluti alla neve”, arrivo all’impianto di risalita. Uno ski-lift. L’addetto mi inquadra subito e comincia a spiegarmi che se sono un principiante con lo ski-lift non è semplice, che lui mi aiuterà ma se dovessi cadere a metà strada, mi converrà poi tagliare di traverso la pista, ed imboccare la stradina che si trova dall’altro lato e che conduce alla pista blu. Mentre mi spiega come raggiungerla, mi si palesa un esempio di come il modo di vivere influenzi fortemente anche il modo di parlare.
“Se cadi che sei già arrivato a metà diciamo, ti conviene poi tagliare la pista trasversalmente e prendere la stradina che ti ritrovi poi sulla destra, non è grande ma la vedi, sarà grossa come un gatto…” E dicendolo allarga le braccia per darmi un’idea delle dimensioni.

Perplessita, faccia da ebete, rumore di rotella con dentro i criceti che corrono… e niente, mi viene solo da pensare due cosa:
– ma come cavolo faccio a percorrerla che non ci passa nemmeno la tavola praticamente
– ma che diavoleria di croccantini date da mangiare a queste bestioline?!?!
Poi mi guardo attorno. Neve. Gatto, neve. Ok, messaggio ricevuto.

Comunque il veggente o gufo, lo lascio stabilire a voi, c’azzecca. Mi incammino per tagliare la pista, ma il tratto tra lo ski-lift e la pista è assolutamente ghiacciato, gli scarponi non fanno presa e finisco col sedere a terra, che ha ancora meno presa degli scarponi e così inizio la mia terza discesa. Cerco di aggrapparmi ai rami degli alberi, ma si spezzano, cerco di reecuperare la tavola, ma scende più veloce di me; cerco di frenare puntellando i talloni ma niente, poi vedo un albero, lo vedo avvicinarsi semre di più, lo vedo, lo vedo, lo vedo… lo sento! Direttamente sul quadricipite. Però almeno adesso sono fermo e la tavola fortunatamente si è incastrata tra i rami di un altro alberello qualche metro più in su. Recupero la tavola, le forze e la voglia di muovermi, metto la tavola sotto il sedere e arrivo nuovamente in fondo. Ho fatto poi ancora quanche discesa, ma la stanchezza e il dolore a quel punto erano nettamente prevalentie non riuscivoa  divertirmi e tantomeno a lasciarmi andare. E poi “devo risparmiare qualche energa per stasera che devo giocare a volley”.

Partita, riesco a giocare due set su tre ma sembro RoboCop con i bulloni e le giunture arrugginite. Dopo partita siamo in quattro a voler andare a cenare assieme, Andrea ci invita da lui.
Parcheggiamo, raggiungiamo il portone, entriamo, prendiamo l’ascensore ma forse siamo stati troppo poco decisi perchè dopo 3 piani il diabolico marchingegno si ribella e si ferma, porte chiuse, non sale, non scende; adesso è lui che ha preso noi. Mezz’ora in attesa del tecnico e si torna alla libertà.
La ribellione delle macchine.

Martedì mattina. La sveglia è atroce, già solo girarmi sul fianco per spegnere la sveglia è un’enorme fatica, mettermi a sedere sul letto mi da poi il colpo finale e se non fossi riuscito ad avere la lucidità per capire che se mi fossi ributtato giù avrei dovuto riprendere tutto dall’inizio, mi sarei volentieri lasciato andare sul mio giaciglio.
Pipì, colazione, Co-Efferalgan.
Mi trascino a lavoro con l’intendo di raggiungere il Pronto Soccorso appena uscito.
Arrivo al pronto soccorso alle 18, passo il triage un’ora dopo e vengo visitato alle dieci e mezza passate, poi lastre e a seguito un altro colloqui per il medico che ha avuto modo di esaminare le lastre. Sembra non ci sia nulla di particolarmente evidente, forse una costola incrinata.
Morale della favola, esco all’una di notte e scopro che… GTT a quell’ora non lavora!
Taxi, 16€ e passa di cui sei solo per averci messo il culo sopra tra la tassa di bandiera (ma quelli non erano i pirati?) ed il supplemento notturno.

Arrivo a casa venti minuti più tardi, accendo la tv e mi ritrovo davanti gli aggiornamenti sulla Concordia e… CA..O! Non mi posso nemmeno poi più di tanto lamentare, d’altronde alla fine della fiera posso proprio dirlo: io sono ancora vivo.

Contrassegnato da tag , ,

Io ed i miei gatti

Io ho dei gatti con serie turbe comportamentali.
Il primo arrivato in famiglia, Liam, è bianco con macchie sparse più la coda interamente nere; è grosso siamo attorno ai sei Kg di gatto, muscoloso e non ancora con una pancia troppo ingombrante. Quand’èra ancora un cucciolino invece era smilzo come un bastoncino di liquirizia che è stato in bocca ad un fumatore che ha smesso di fumare da 24 ore e fino a ieri fumava 2 pacchi di sigarette al giorno, ha avuto almeno in due occasioni la febbre molto alta ed il veterinario aveva già parlato di possibilità che non ce la facesse, poi sono arrivati i funghi e via di bagnetti… Povero gatto!

Poi è giunto il momento della castrazione. E’ esploso.
No, non l’ho portato a far castrare dai bimbetti che giocavano con i petardi per strada, ovviamente ho fatto ricorso al veterinario di fiducia, ma da quel momento, ha iniziato a crescere a dismisura e ancora adesso ogni tanto giuro che mi sembra più grosso di ieri.
E’ diventato il mio orgoglio, ha incarnato lo spirito del mio quartiere ed è diventato il classico tamarretto di periferia, grezzo nei movimenti (di notte, al buio, quando sale sul letto per venire a dormire, sembra che il Titanic stia ormeggiando su di me), appena può frega il cibo dalle ciotole degli altri due fratellini e soprattutto, forte della sua presenza fisica, appena sente un rumore sospetto alle sue spalle fa dei salti dallo spavento che nemmeno vi immaginate.
C’ho il gatto ansioso; sarà la sindrome del boss che deve sempre aspettarsi l’attacco di un clan rivale per il controllo del traffico illegale di croccantini.

Il mio secondogenito (che uno da solo a casa tutto il giorno dopo un po’ si stufa e non voglio un gatto depresso), Noel, ha a sindrome del salame. No, non mi ha mai forzato con un piede di porco il frigo per rubarmi il salame, anche perchè già che cel’ha si mangerebbe lo zampone e tantomeno non è il Rocco Siffredi del mondo gatto; Noel quando lo prendi in braccio o lo porti dal veterinario si trasforma in un salame, come lo metti sta, anche nelle posizioni più improbabili. Dal veterinario l’ultima volta abbiamo dovuto tirarlo fuori dal trasportino e poi rimettercelo, sembrava immobilizzato, non ha mosso volontariamente un muscolo, nè per protestare e tantomeno per fuggire. Questo gatto ò è un salame o è un incrocio con un opossum.

La terza arrivata (che un tocco di femminilità ci vuole in casa) è Lucy in the Sky with Diamond, per gli amici sballoni LSD, per me semplicemente Lucy o Turkish Van che potrebbe essere la sua razza. Lei è più presente di un cane quando sono in casa e a volte sembra proprio una bambina, vuole spesso stare in braccio; in questo momento è sulle mie ginocchia che mi guarda perplessa e cerca di pigiare qualche tasto, poi sonnecchia, poi si ridesta. E’ di un affettuoso che raramente si vede nei gatti, ricerca sempre il contatto fisico, e quasi con tutti da il benvenuto sedendosi a terra di fronte all’ospite, aspettando un cenno che le faccia capire che può saltare in braccio. La sera poi quando mi corico, viene sotto le coperte cinque minuti, ci raccontiamo un po’ la giornata, io le faccio le coccoline prima della “nanna lunga”, lei mi fa le pastine sul petto e poi quando spengo la luce va a dormire nello spazio tra il mio fianco sinistro ed il braccio.

Quando Top (una mia amica) mi portò per la prima volta a vedere Liam che era in stallo, le dissi “ma no dai, un animale no, lo faccio morire, mi dimentico di dargli da mangiare…”; adesso ho tre gatti e sia io che ciascuno di loro, possiamo dire tranquillamente “io sono ancora vivo”.